Regolamento REACH 1907/2006 – Regolamento CLP

Tutte le Aziende che producono o importano nel territorio europeo una  sostanza chimica (tra 1 e 100 tonnellate l’anno) devono provvedere ad una  registrazione presso l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA),  entro il 31 maggio 2018. 

Tale ultimo termine di registrazione è un obbligo molto rilevante: le  Aziende che ometteranno tale registrazione non potranno più immettere legalmente sul mercato sostanze chimiche prodotte o importate.

La registrazione è un processo complesso e impegnativo in termini di tempo:  le imprese devono attivarsi per tempo ad effettuare una corretta identificazione delle sostanze, analizzandone i volumi del REACH e  pianificando la gestione delle loro registrazioni per l’ultimo termine fissato.

Il regolamento CLP è il regolamento europeo relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele chimiche.

Tale regolamento introduce in tutta l’Unione Europea un nuovo sistema per la classificazione e l’etichettatura delle sostanze chimiche, basato sul Sistema mondiale armonizzato delle Nazioni Unite (GHS dell’ONU).

Il regolamento CLP riguarda i pericoli delle sostanze e delle miscele chimiche e il modo di fornire informazioni in proposito. Ai sensi del regolamento, è previsto l’obbligo di notificare, entro trenta giorni dalla data di prima immissione sul mercato, tutte le miscele classificate come pericolose. Tale prescrizione si applica sia ai prodotti di libera vendita al consumo o destinati ad uso industriale/professionale, sia ai prodotti autorizzati, come biocidi/presidi medico-chirurgici e fitosanitari.

Per i detergenti, in particolare, l’obbligo di notifica sussiste anche se risultano esenti da classificazione di pericolosità e, dunque, le informazioni sono indispensabili per le autorità al fine di adottare misure di prevenzione e cura, specialmente in caso di risposta di emergenza sanitaria.

A sottolineare l’importanza delle disposizioni del regolamento CLP sulla comunicazione fra industria e organismi di vigilanza è la sanzione in caso di mancata notifica del pagamento di una somma da 3.000 a 18.000 euro (ai sensi del D.Lgs. 186/2011).

GSA effettua la notifica all’archivio preparati pericolosi e l’aggiornamento delle informazioni sui prodotti inseriti per conto di fabbricanti, importatori e/o responsabili dell’immissione sul mercato nazionale, occupandosi della registrazione come utente riconosciuto dal servizio informatico dell’ISS.

GSA assiste o gestisce le pratiche di registrazioni di sostanze all’ECHA via REACH-IT, grazie anche al supporto madrelingua indispensabile per interloquire con gli Enti Europei, sul Regolamento CLP e offre supporto per il controllo e l’elaborazione delle SDS (Schede di Sicurezza), ai sensi del Reg. 1272/2008/CE.

Consulenza per la sicurezza sul lavoro
Consulenza per la sicurezza sul lavoro
Corsi di formazione
Corsi di formazione
Formazione Finanziabile
Formazione Finanziabile